backup dati

Come Salvare le Informazioni

Il backup dati, si sa, ce ne ricordiamo al momento del bisogno. Si verifica un blackout, si danneggia l’hard disk ma… tanto abbiamo la copia di sicurezza !! Quando poi andiamo a cercare il backup non lo troviamo !! Perché non lo abbiamo fatto recentemente oppure semplicemente non lo abbiamo mai fatto.

Il backup dati delle informazioni per un’azienda è fondamentale per il proprio business: sia per la gestione contabile che per quella dei clienti. E’ abbastanza frequente che si verifichino dei temporali o degli abbassamenti di tensione, quindi, è preferibile tutelarsi per non perdere i dati, il database dei clienti e della contabilità, le foto, i video insomma tutto il materiale che ci interessa.

La prima cosa da fare è quella di organizzare i dati strutturandoli in cartelle e sotto cartelle (directory e sotto directory per qualche nostalgico del DOS… come il sottoscritto) dandogli una struttura logica funzionale.

Il motivo è facilmente intuibile: se devi fare velocemente il backup dei dati e ce l’hai tutti in una “cartella contenitore”, basta che salvi la cartella e sei a posto. Se invece i tuoi dati sono sparsi per tutto il computer in centinaia o migliaia di cartelle e non ti ricordi di salvarli tutti, come fai ad essere certo di non perdere niente di importante ?

Per evitare questi problemi ti suggerisco di procedere in questo modo:

Crea una cartella contenitore generale dandogli un nome significativo che ti faccia capire immediatamente, leggendo semplicemente il nome, cosa contiene al suo interno. Ad esempio potresti chiamare la cartella contenitore con il nome della tua azienda. Bene, il primo passo è fatto !!

Adesso dobbiamo procedere a creare per ogni tipologia di informazione una cartella specifica. Ad esempio per tutto ciò che riguarda la contabilità potresti creare un’altra cartella contenitore, ad esempio “Contabilità”, e all’interno di essa suddividerla in altre cartelle per le varie tipologie di documenti. Una per le bolle, una per le fatture e così via.

Allo stesso modo per il materiale fotografico e video creare una cartella contenitore, ad esempio “Immagini e Video”, e all’interno di essa creare una cartella per le foto delle vacanze, una per l’anniversario dei nonni, una per i video degli amici e così via. Con la stessa procedura archiviamo in modo intelligente tutti le nostre informazioni.

Così come abbiamo fatto per le cartelle anche quando salviamo i nostri documenti, le foto, i video applichiamo il metodo di dare nomi significativi in modo da capire a colpo d’occhio di cosa si tratta.

Alla fine avrai una struttura del tipo indicato di seguito:

  • Cartella Contenitore Generale
    • Contabilità
      • Bolle
      • fatture
    • Immagini e Video
      • Foto Vacanze
      • Foto Nonni
      • Video Amici

Risulta evidente che quando facciamo il backup della “Cartella Contenitore Generale” noi facciamo il backup di tutto e non perdiamo nessuna informazione. Ottimo direi !!

Altro accorgimento da mettere in pratica è quello di applicare la teoria del “doppio salvataggio” ossia salvare il nostro backup su due dispositivi diversi, ad esempio, su un cd rom o dvd e su un hard disk esterno o pen drive. In questo modo saremo maggiormente tutelati in quanto le nostre informazioni saranno disponibili su dispositivi diversi.

Quali sono le informazioni da non salvare ? Non vanno salvati i programmi o applicazioni e le configurazioni di esse e i file di Windows. Il motivo è perché salvando la cartella o le cartelle del programma interessato non ne viene garantito il funzionamento quando procederemo a ripristinarlo sul computer. Questo avviene perché i programmi quando vengono installati copiano le informazioni non solo nelle cartelle del programma stesso ma anche in zone non accessibili all’utente o comunque gestite dal sistema operativo.

Per fare il backup dati se non vogliamo utilizzare gli strumenti di Windows stesso, di seguito suggerisco alcuni link a programmi gratuiti e/o a pagamento da poter valutare e utilizzare: