world wide web

Evoluzione di Internet a 25 anni dalla sua nascita

Sono passati ormai 25 anni dalla nascita del primo sito web e Internet è cambiato molto sia nella sua struttura che nell’utilizzo. Il facile accesso alla grande quantità di informazioni disponibili in rete, la velocità con la quale riusciamo ad ottenere le risposte che cerchiamo e la possibilità di effettuare transazioni economiche, hanno cambiato la nostre abitudini, la gestione del nostro tempo e anche le nostre aspettative.

Era il 1989 quando l’informatico inglese Tim Berners-Lee con la pubblicazione di un suo elaborato di li a poco avrebbe cambiato il mondo. Fondata la teoria della rete, Berners-Lee defini il protocollo HTTP e nasceva il World Wide Web. Verso la metà degli anni ’90 la tecnologia fu messa a disposizione di tutti.

Successivamente nacquero le prime chat, i primi siti, Google, il web 2.0 con i social network: in soli 25 anni Internet ha cambiato radicalmente il modo di approcciarsi alla vita, come si reperiscono le informazioni, le nostre interazioni e il mondo del lavoro.

La bellezza di Internet risiede proprio nella sua semplicità e complessità: esistono ancora oggi molti siti web creati 20 anni fa’ che continuano a funzionare nonostante nessuno li abbia più aggiornati.

Negli anni ’90 era l’epoca in cui si navigava con Lycos e WebCrawler (due motiri di ricerca tra i più popolari creati da due studenti universitari nel 1994), Netscape che rivaleggiava con il colosso nonché competitor Internet Explorer della Microsoft e Geocites il servizio gratuito di host di pagine web lanciato nel 1994 e poi acquisito da Yahoo nel 1999.

In quegli anni non esisteva l’ADSL o la fibra ottica, ci si collegava tramite il doppino telefonico con i modem analogici a 56K che richiedevano un’attesa infinita nel caricare le pagine web e nello scaricare programmi. Proprio per questo motivo allora i siti erano realizzati con una grafica essenziale, leggera e animati da immagini colorate.

Google nacque nel 1997 mentre i colossi You Tube (2005) e Facebook (2004) non erano stati ancora lontanamente immaginati.

Sembrano passati millenni e invece parliamo di appena due decadi. Nel frattempo sono scomparsi i grandi portali come Italia On Line, i video e le immagini hanno preso il sopravvento grazie a connessioni sempre più veloci e server sempre più potenti, e i social network hanno modificato profondamente il modo in cui navighiamo sul web. Oggi, diciamolo, la rete offre possibilità infinite.

La Situazione in Italia

Chi accede alla rete beneficia sicuramente di servizi e opportunità secondo le proprie caratteristiche individuali: età, titolo di studio, posizione e condizione occupazionale e territorio di appartenenza. C’è anche una parte consistente della popolazione che non utilizza Internet.

Allo stato attuale l’Italia è molto indietro rispetto agli altri paesi europei in merito alla diffusione di Internet. Per quanto riguarda la dotazione tecnologica della famiglie se si esclude il cellulare, tra gli oggetti appartenenti alle nuove tecnologie per l’informazione e la comunicazione, quelli più diffusi tra le famiglie in Italia sono il computer, il lettore DVD e la macchina fotografica digitale mentre l’accesso ad Internet da casa è disponibile in circa il 60% delle famiglie.