la sicurezza dei dati nelle aziende

La Sicurezza dei Dati nelle Aziende

La sicurezza dei dati nelle aziende rappresenta un aspetto della gestione di un business di primaria importanza, purtroppo viene preso poco in considerazione dalle strategie delle PMI.

In Italia il 90% delle aziende è composto da micro imprese come gli artigiani, i liberi professionisti, le aziende di servizi. Tutti utilizzano server, client, cloud, reti informatiche più o meno complesse necessari per la condivisione e la fruizione di dati dentro e fuori la rete.

La sicurezza dei dati delle aziende è un fattore chiave per tutelare il business e gli investimenti. I dati sono il vero valore di un’azienda: i dati dei prodotti, la documentazione del progetto, le informazioni sui clienti, gli archivi storici e così via.

La cultura di  molte micro imprese è ancora agganciata a metodologie e pratiche non più al passo con i tempi. Le scelte di questo tipo di gestione del business stanno lentamente trasportando le imprese verso la deriva: avere un impresa oggi significa “essere agganciati” al treno dell’economia digitale per essere in grado di competere ad armi pari con gli altri competitor.

Il primo scoglio che le micro imprese devono affrontare è quello rappresentato dal cambio di mentalità che è necessario eseguire. La sicurezza dei dati nelle aziende non è applicabile solo alle grandi aziende, ma è auspicabile che venga implementata in qualunque tipo di azienda, indipendentemente dalla grandezza, dal volume di affari, dal numero di clienti.

Pensiamo ad esempio alla sicurezza dei dati delle aziende che si occupano di sviluppo software: ambienti super controllati, tutte le procedure vengono rigidamente verificate da sistemi computerizzati, tutte le persone coinvolte sono soggette a rigide restrizioni sull’uso delle informazioni riservate.

Come farebbero queste aziende a tutelare i loro dati se non avessero una rete aziendale efficiente e super protetta da attacchi esterni ?

Senza paragonare queste grandi aziende con le micro imprese, dobbiamo comunque sottolineare che la sicurezza dei dati nelle imprese è di vitale importanza per tutti, nessuno escluso.

Fino ad ora abbiamo parlato di proteggere i nostri dati da attacchi esterni: ma come avvengono questi attacchi ?

Per “perforare” la sicurezza dei dati nelle aziende gli hacker si affidano alle email, alle memorie di massa, agli hard disk e alle applicazioni software con cui possiamo venire in contatto via web o tramite i supporti di massa.

Quando un virus entra nel nostro sistema può penetrare dovunque e carpire le informazioni per poi utilizzarle illegalmente.

In questo caso vengono commessi due errori importanti: il primo è che le aziende non si proteggono con sistemi antivirus adeguati e, il secondo, è quello di sottovalutare le email di phising e le applicazioni che non garantiscono la sicurezza.

(Phising: Truffa informatica effettuata inviando un’e-mail con il logo contraffatto di un istituto di credito o di una società di commercio elettronico, in cui si invita il destinatario a fornire dati riservati (numero di carta di credito, password di accesso al servizio di home banking, ecc.), motivando tale richiesta con ragioni di ordine tecnico Fonte: Wikipedia).

Dobbiamo però rispondere ad una domanda fondamentale: è importante proteggere i nostri dati ? La sicurezza spesso non viene mai considerata come un fattore importante e viene sottovalutata, ma ogni azienda e persona fisica ha delle informazioni riservate che devono restare tali.

Le micro imprese pur essendo in molti casi aziende a conduzione familiare hanno comunque a che fare con dati riservati e il fattore della sicurezza dei dati può essere realizzato con piccoli investimenti.

Innanzitutto bisogna sfatare qualche falso mito nel campo di utilizzazione dei software. E’ vero che da un lato le software house spesso non danno la possibilità di provare prima un programma e applicano listini prezzi non sempre alla portata di tutti.

Dall’altro lato dobbiamo però ricordarci che facendo in questo modo alimentiamo il mercato dei software contraffatti. Spesso prendiamo le decisioni in modo affrettato, non valutiamo attentamente quello che il mercato offre.

La sicurezza dei dati nelle aziende spesso viene barattato per alcune centinaio di euro. Purtroppo è così, perché creare una piccola rete, acquistare una licenza di Windows e un antivirus costa tra i 500 e i 1.000 euro.

Chi ha la necessità di lavorare con la grafica inizialmente può utilizzare un software in italiano completamente gratuito di nome GIMP e come ambiente office il pacchetto gratuito Open Office. Gli strumenti per lavorare spendendo poco ci sono !!

La sicurezza dei dati nelle aziende realizzata tramite reti interne non può garantire la sicurezza al 100% ma può rendere la vita difficile a chi cerca di perforarla. La sicurezza al 100% è un utopia.

La sicurezza dei dati nelle aziende non può essere garantita perché sono moltissimi i fattori che incidono, come le persone, gli strumenti, gli apparati, i software, l’infrastruttura, ecc…, ma far tendere questo valore più vicino possibile al massimo è d’obbligo per garantire un sistema sicuro.

Inoltre ogni titolare di una attività deve garantire la riservatezza dei dati nei confronti dei dipendenti e collaboratori, in quanto si è responsabili della perdita di dati sensibili su attività, malattie, ordinamento religioso, sessuale, ecc…

Quanti di noi hanno un antivirus (non gratuito) sul proprio smartphone ? Le statistiche affermano che sono pochi gli italiani che ne hanno uno e quindi occorre necessariamente un software che non protegga solamente da attacchi tradizionali, ma che esegua una scansione all’interno delle applicazioni installate e che riesca a monitorare eventuali anomalie all’interno dei codici di tali software.

Pensiamo ad esempio a due tipi di reti classiche: una prima rete aziendale composta da più computer non collegata ad Internet e una rete uguale alla precedente che tramite una scheda di rete è connessa al web.

In via teorica nel primo caso se non ci sono contatti tra la rete ed eventuali dispositivi di massa il rischio di entrare in contatto con virus è sicuramente più basso. Nel secondo caso essendo collegati direttamente al web la percentuale di rischio sale esponenzialmente.

Per la sicurezza dei dati nelle aziende vi rimando a questo articolo pubblicato su PMI.it in merito alla guida sulla sicurezza dei dati.

CONCLUSIONI

La sicurezza dei dati nelle aziende deve essere una priorità per le aziende stesse, le aziende devono valutare gli impatti dei danni derivanti dalla perdita di dati.

Pensiamo a tutte quelle aziende che abitualmente non si preoccupano di eseguire il backup dei dati frequentemente. L’hard disk del loro computer ha un problema, l’hard disk si rompe. E i dati ? In molti casi non esiste alcun backup mentre nella migliore delle ipotesi abbiamo un backup vecchio. Risultato ? Non abbiamo più i nostri dati e non sappiamo cosa fare.

“A te la scelta, decidi adesso di crescere. Per emergere fai la differenza. Non perdere tempo e costruisci adesso il tuo business”.

Se vuoi puoi lasciarmi un commento qui sotto. Ti risponderò prima possibile.

La sicurezza dei dati nelle aziende