Le strategie per battere la concorrenza

Le strategie per battere la concorrenza

Le strategie per battere la concorrenza devono essere parte integrante di un progetto per promuovere un brand e rappresentano il focus principale per poter raggiungere i risultati prima degli altri.

La pubblicità si sa è l’anima del commercio, chi sa proporre nel migliore dei modi il proprio prodotto riesce a vendere di più. Ma non sempre è così !!

Per riuscire a sbaragliare i concorrenti è necessario avere una presenza online efficace, strutturata e pianificata nel tempo.

Molte aziende sono convinte e non si rendono ancora conto che non è assolutamente sufficiente avere un sito web per garantirsi un flusso continuo di clienti.

E’ necessario che le strategie per battere la concorrenza siano incentrate sul termine che più di altri spiega chiaramente quale deve essere la strada da percorrere: diversificare il proprio brand rispetto ai concorrenti.

Soltanto facendo percepire ai potenziali clienti la diversità e specificità di un brand rispetto agli altri, riusciremo ad entrare nella testa delle persone e ad essere considerati come esperti autorevoli di un determinato settore.

In questo video Marco Scabia spiega chiaramente cosa significa essere considerato un esperto autorevole della tua nicchia di mercato:

Non bisogna cadere nel tranello di essere paragonati agli altri esclusivamente per il prezzo. In questo caso la pubblicità comparativa viene utilizzata per enfatizzare i rispettivi punti deboli e convincere il pubblico a cambiare preferenze.

Lo spot di McDonald’s contro Burger king ne è un esempio lampante:

Secondo te quanto ci guadagni ad attaccare i tuoi concorrenti ? E’ uno degli errori che buona parte dei venditori fanno quando parlano male dei concorrenti. E’ un punto di partenza sbagliato !!

Non bisogna mettere in evidenza i difetti degli altri ma la cosa migliore è spiegare il nostro prodotto in cosa si differenzia dagli altri, quali soluzioni ai bisogni delle persone riesce a risolvere, perché le persone devono acquistare il nostro prodotto.

Quando parliamo non lo facciamo obiettivamente, diamo solo pareri personali dicendo “io sono il migliore”.

Questa diversità di esposizione non ha nessun significato per le persone perché gli amanti del McDonald’s rimangono delle loro idea e gli amanti di Burger King della loro.

Posizionare un brand nel mercato significa far capire alle persone che grazie alle differenze rispetti ai concorrenti, il nostro prodotto è migliore per un determinato target di persone e contemporaneamente non è adatto ad altri tipi di target.

L’obiettivo quindi di una pubblicità dovrebbe essere quello di ottenere più quote di mercato e far cambiare idea ai clienti sulle loro scelte.

In questo caso Burger King ha risposto in modo efficace allo spot di McDonald’s:

Vediamo un’altra chiave di lettura di come battere la concorrenza offerta da Cecilia Sardeo:

STRATEGIA DI NICCHIA

Una strada da percorrere per battere la concorrenza è quella della “strategia di nicchia”: bisogna individuare una nicchia di mercato, che probabilmente avrà volumi di ricerca non alti, ma con persone e aziende fortemente interessate ai nostri prodotti/servizi.

La scelta di percorrere una strategia di nicchia spesso viene utilizzata dalle aziende e sono la soluzione per contrastare le grandi aziende e le multinazionali.

Una nicchia di mercato è una specifica suddivisione di un segmento, quindi, ha dimensioni ridotte rispetto al segmento stesso, ma, soprattutto, i bisogni dei consumatori che compongono la nicchia sono contraddistinti per la loro specificità.

Tuttavia affinché la strategia possa essere perseguita con successo, è necessario che la nicchia sia abbastanza grande, abbastanza grande da permettere di realizzare volumi di vendita che consentano di raggiungere profitti soddisfacenti.

I mercati di nicchia sono particolarmente adatti alle piccole e medie imprese poiché puntando su una domanda fortemente personalizzata, possono differenziare efficacemente i loro prodotti/servizi, riducendo al minimo la competizione con le altre aziende.

In questo modo anche piccole aziende possono raggiungere posizioni di leadership nella nicchia in cui operano senza bisogno di disporre di ingenti capitali e con una struttura organizzativa limitata, ma anche più flessibile.

Chiaramente questa posizione non è detto che duri nel tempo, in quanto ben presto l’impresa che opera in un mercato di nicchia si trova a confrontarsi con la concorrenza di altre aziende.

Per mantenere le proprie posizioni essa dovrà, pertanto, procedere ad una continua innovazione dei propri prodotti, tenendo costantemente d’occhio sia le altre aziende che tentano di operare nello stesso mercato, che i gusti dei consumatori in modo da cogliere eventuali cambiamenti in questi ultimi.

CONCLUSIONI

Le strategie per battere la concorrenza devono certamente andare nella direzione delle strategie di nicchia perché una nicchia si caratterizza per:

  • Clienti con specifici bisogni e esigenze;
  • Clienti propensi a pagare un prezzo maggiore per servizi in grado di soddisfare adeguatamente i loro bisogni;
  • Bassa attrattività del segmento agli occhi di nuoci concorrenti;
  • Potenzialità di crescita in termini di profitto.

“A te la scelta, decidi adesso di crescere. Per emergere fai la differenza. Non perdere tempo e costruisci adesso il tuo business”.

Se vuoi puoi lasciarmi un commento qui sotto. Ti risponderò prima possibile.

Le strategie per battere la concorrenza