preparare un piano editoriale per i social media

Preparare un Piano Editoriale per i Social Media

Preparare un piano editoriale per i social media è di fondamentale importanza per riuscire a capire cosa, come e quando pubblicare contenuti di valore sui vari canali social. Niente deve essere improvvisato !!

Lo scopo del piano editoriale è quello di organizzare i contenuti e pubblicarli con logica e costanza tramite un calendario che copra un arco temporale sufficientemente ampio per impostare una strategia e verificarne l’efficacia in base ai risultati ottenuti.

Preparare un piano editoriale per i social media rappresenta per il team un momento di coinvolgimento verso il raggiungimento di un obiettivo comune.

L’utilizzo dei social network per il raggiungimento degli obiettivi aziendali è rappresentato dal reclutamento di nuovi lead (contatti), dall’aumento del traffico verso il sito web o blog, dalla fidelizzazione dei clienti con il customer care o meglio ancora da un sistema di acquisizione automatico di clienti.

Preparare un piano editoriale per i social media vuol dire avere chiari gli obiettivi aziendali e stabilire tutti i ruoli dei componenti del team di sviluppo. Bisogna definire inoltre gli elementi chiave della comunicazione tra il brand e il pubblico.

  • Definire quale è il settore di riferimento e le caratteristiche del brand e in quale nicchia di mercato si vuole posizionare
  • Definire i servizi e/o i prodotti illustrando le caratteristiche principali
  • A quale target di utenti finali è destinato il servizio/prodotto avendo cura di definire chiaramente l’utente ideale o avatar
  • Fare un analisi dei punti forza e delle debolezze del brand
  • Fare un’analisi dettagliata dei competitors osservando cosa, prendere spunti e idee per poi differenziarsi e innovare (senza copiare ovviamente)
  • Scegliere con cura quali canali social utilizzare per le strategie di comunicazione perché non tutti i social vanno bene per le aziende. In base al tipo di prodotto/servizio e al target di riferimento bisognerà scegliere un social piuttosto che un altro tenendo in considerazione che ogni social network ha le sue caratteristiche e soprattutto un pubblico di riferimento specifico.

Per agevolare la fase successiva di creazione dei contenuti è importante definire almeno 5/10 parole chiavi che hanno lo scopo di “parlare del brand” e aiutare nella fase di creazione dei contenuti il piano editoriale nel veicolarli attraverso i social media con maggiore efficacia.

Per ricercare queste parole chiavi possiamo utilizzare lo strumento SEMrush che consente di ottenere le parole chiavi corrispondenti per volume di traffico.

Nel preparare un piano editoriale per i social media un altro elemento importante è conoscere le conversazioni in rete che avvengono intorno alle parole chiavi selezionate.

Un tool di facile utilizzo è Tagboard, che permette di analizzare il Sentiment attorno ad un determinato argomento e sapere in quali social media avviene la conversazione non solo tra brand ma anche tra le persone. Inoltre, attraverso questo tool è possibile creare una board con un topic particolare e mantenersi costantemente aggiornati.

A questo punto siamo pronti per creare i nostri contenuti in base alle parole chiavi e al target di riferimento. Secondo una recente analisi sono emerse le ragioni per cui le persone condividono i contenuti:

  • Per rimanere connessi con parenti e amici (78%)
  • Per essere connessi alla rete (69%)
  • Per definire i propri interessi (68%)
  • Per avere l’approvazione della community (49%)
  • Per supportare cause sociali (48%)

Dobbiamo quindi scegliere i contenuti da pubblicare. Quelli di maggior efficacia sono i contenuti visual, soprattutto video e immagini, che riescono ad ottenere un coinvolgimento del 65% in più rispetto ai contenuti testuali generando un engagement maggiore. E’ fondamentale poi adattare le dimensioni della immagini ai vari social network.

Ma quali sono i contenuti che possiamo includere ? Sicuramente immagini, video, infografiche, testo + immagine, screenshot, collage di immagini, tutorial, advertising e così via.

I contenuti devono essere vari e di diverso tipo: ad esempio in uno storytelling aziendale efficace è consigliato raccontare quello che accade in azienda. Anche rivolgere direttamente domande al nostro pubblico su che tipo di prodotto preferisce e quali novità si aspetta di vedere, potrebbe essere un buon contenuto per un piano editoriale. Ancora meglio, condividere le opinioni dei clienti che hanno usufruito del prodotto/servizio.

Una volta definito il tipo di audience da coinvolgere e le varie tipologie di contenuti da creare, è giunto il momento di programmare la pubblicazione dei contenuti. In fase di programmazione dei contenuti è necessario ricordarsi tre cose: la scelta dei giorni, gli orari di pubblicazione, la frequenza di pubblicazione.

Per pianificare il calendario possiamo utilizzare un foglio Excel inserendo in orizzontale i giorni della settimana e in verticale gli orari oppure lo strumento Google Calendar.

CONCLUSIONI

Per lavorare con efficienza e programmare anticipatamente la pubblicazione dei contenuti sui canali social è importante preparare un piano editoriale per i social media con scrupolo dedicando il tempo necessario alla realizzazione.

“A te la scelta, decidi adesso di crescere. Per emergere fai la differenza. Non perdere tempo e costruisci adesso il tuo business”.

Se vuoi puoi lasciarmi un commento qui sotto. Ti risponderò prima possibile.

preparare un piano editoriale per i social media