business coach

Il Business Coach come Supporto per le Aziende

L’imprenditore si alza la mattina e inizia la sua giornata sperando che sia migliore della precedente. L’imprenditore va in ufficio pieno di tante buone intenzioni ma alla fine non riesce a concretizzarle. L’imprenditore finisce la sua giornata deluso di quello che ha fatto e ottenuto. Questo è quello che capita a molti imprenditori che decidono di “seguire le mode” del momento sulle strategie di business da applicare piuttosto che ascoltare pseudo esperti che consigliano loro la soluzione miracolosa. Non è così.

Il business di un’azienda non può essere improvvisato. E’ necessario redigere un piano di lavoro efficace, ben definito sia negli obbiettivi che nelle strategie di web marketing e avere una visione del piano a medio e lungo termine.

E’ necessario un cambio di rotta e gli imprenditori devono capire che è giunto il momento di farlo. Devono crescere, cambiare interiormente ma soprattutto devono credere maggiormente in se stessi. Per ogni tipo di attività imprenditoriale c’è la possibilità di individuare la propria nicchia di mercato di riferimento.

Spesso gli imprenditori “scambiano il tempo” con il denaro e si affannano a lavorare 10-12 ore al giorno per cercare di portare risultati. I tempi sono cambiati, i clienti sono cambiati, quindi, devono cambiare anche gli imprenditori.

Come faccio allora a lavorare meno e a guadagnare di più ? Spesso incontro professionisti e aziende che nonostante siano contenti e soddisfatti del proprio lavoro “vivono esclusivamente per lavorare” e questo è un grosso problema.

Come il business coach tramite il coaching può aiutare le aziende a fatturare di più e a lavorare meno ? Innanzitutto se le cose vanno male bisogna prima di tutto cambiare il modo di operare: questo vuol dire cambiare la nostra routine quotidiana, cambiare il modo in cui ci proponiamo. Cambiare qualcosa insomma !!

Il nostro comportamento è uno degli indicatori dell’andamento del nostro business: non basta credere intensamente in quello che si fa e sperare che migliori la situazione. D’altronde la fortuna va un po’ aiutata e quindi bisogna darsi da fare.

La prima cosa che un imprenditore dovrebbe fare è, insieme a un business coach, capire il mercato di riferimento in modo da definire quali strategie adottare. Per promuovere un prodotto/servizio bisogna passare obbligatoriamente anche dai social network oltre che dalle campagne di advertising di Google o altre aziende. Non tutti i social però vanno bene per le aziende. E’ l’errore più comune che fanno gli imprenditori che pubblicano, personalmente o affidandosi a web agency, contenuti spesso scadenti su tutti i canali social indifferentemente.

Quando bisogna promuovere un prodotto/servizio se cerchiamo informazioni su Google e otteniamo molto risultati in tema questo vuol dire che gli utenti cercano specificatamente quello che volete promuovere. Se ad esempio cerco “corsi di informatica a Grosseto” e vedo che ci sono molte aziende inserzioniste e risultati ben profilati, vuol dire che in questo mercato c’è margine di business.

Una possibile soluzione per promuovere i corsi di informatica potrebbe essere, ad esempio, utilizzare la piattaforma AdWords di Google per progettare annunci pubblicitari da promuovere direttamente su Google piuttosto che utilizzare il canale Display o i network affiliati a Google stesso.

Se invece dobbiamo promuovere un prodotto/servizio di cui non conosciamo le reali esigenze degli utenti web forse Google AdWords non è il canale più adatto. In questo caso potremmo utilizzare i canali social, nello specifico Facebook, tramite la sua piattaforma di advertising.

Facebook rispetto ad AdWords consente di targettizzare maggiormente la tipologia di persone che vogliamo raggiungere e contattare ma, soprattutto, di verificare in maniera più approfondita i risultati ottenuti.

In queste scelte importanti avere al proprio fianco un business coach è sicuramente un valido aiuto per il proprio business perché alla base di ogni tipo di commercio c’è la promozione pubblicitaria: sia che si tratti di bottoni che di pacchetti turistici questo è un fondamento. Non è un opzione.